Come Sopravvivere al Prossimo Blackout di Gmail

Qualcuno di voi avrà notato che stamattina per alcune ore Gmail, il servizio di posta elettronica di Google è stato inaccessibile. Gmail è ormai molto diffuso e gli utenti ne fanno un uso generalizzato: restare anche poche ore senza può essere un problema, e per molti lo è stato.

Ad alimentare l’ansia degli utenti è stata la mancanza di notizie sulle cause e sui tempi di ripristino.

Visto che già poche settimane fa Google ebbe un blackout analogo, per prevenire un nuovo “GFail” suggerisco alcuni accorgimenti:

  • Backup: Se non lo avete ancora fatto effettuate un backup della vostra corrispondenza. In caso di blackout potrete accedere alle vostre email inviate e ricevute in passato.Un software utile per questo scopo è Gmail Backup
  • Redirect: Non utilizzare Gmail come indirizzo primario ma come storage di backend. Se avete un dominio potete creare un vostro indirizzo come alias ed effttuare il redirect su Gmail. In caso di down di Google potrete cambiare l’alias al volo e far puntare l’email verso un altro indirizzo. Chi non ha un dominio se lo può prendere con pochi euro su TopHost
  • POP3/IMAP: Quando questa mattina mi sono accorto del problema di Gmail ho tentato di collegarmi col cellulare tramite IMAP e sono riuscito ad accedere al servizio mentre l’interfaccia web era ancora giù. Non so se il servizio IMAP non è stato colpito o se è stato ripristinato prima del web. Avere in punto d’accesso secondario e di emergenza è una buona idea.
    Per poter utilizzare i servizi POP3 e IMAP di Gmail è necessario attivarli e configurarli. Per fare questo andate in Impostazioni e cliccate su Inoltro POP/IMAP, qundi attivate il servizio e seguite le informazioni per la configurazione.

1 Trackback / Pingback

  1. La ragazza che giocava con il fuoco - Il film » Blog Archive » Come sopravvire ai bug di Gmail

I commenti sono bloccati.