$100 per Craccare un Indirizzo Email?

Potresti craccarmi quella casella di posta elettronica? Almeno una volta nella vita questa domanda viene posta a chi si occupa di hacking/sicurezza oppure a chi ha la fama di smanettone. Cercando un po’ in giro in rete si  posso trovare siti che offrono il servizio di cracking delle caselle di posta elettronica dei più noti provider internazionali, quali Yahoo, Gmail, Hotmail e così via.

Per esempio, all’indirizzo zhackgroup.com è possibile trovarne uno attualmente funzionante. Questo gruppo di crackers afferma di poter recuperare la password di qualsiasi email e di recapitarla a chi ha commisionato il lavoro in meno di 72 ore, il tutto per $100.

Leggiamo dal sito:

“Want to read your girlfriends mail? Got a friend hiding something from you? Or maye your kids are doing something online without your knowdlege? Wana trace mails to get passwords, to read your husbands email?… Think he is cheating on you? Need to check your relation ?… You can know EVERYTHING if you know their Email Password.
If you are looking for proffessionals hackers to hack passwords for you, you’ve come to the right place!!! We will hack it for you.
The entire process is completely safe, secure, confidential…and fast.”

Come funziona? Si deve riempire un modulo fornendo i dettagli della vittima (nome, cognome, ovviamente indirizzo di posta elettronica) e attendere. Entro 72 ore i crackers si faranno vivi mostrando delle prove del successo, fornendo screenshots dell’interno dell’account craccato, oppure la lista dei contatti, o un’email. Insomma, qualsiasi cosa che convinca il cliente a pagare $100.

Tralasciamo qualsiasi ovvia considerazione sulla dubbia legalità del tutto. E’ una truffa? Come funziona veramente?

Non l’ho provato (naturalmente), ma somiglia molto ad altri servizi simili come crackpal.com. Quest’ultimo è pressochè identico. Per procurarsi la password i sedicenti hacker di crackpal.com ricorrono ad un volgarissimo attacco di phishing, inviando un’improbabile email alla vittima, sperando che questi abbocchi e tenti di loggarsi ad uno dei siti trappola predisposti dalla banda.

Che dire? Alla larga da servizi simili, per evitare guai con la legge e per non immischiarsi in giri loschi. Alla fine, siete proprio sicuri che vi serve la password?

3 Commenti

  1. Ciao, non sapevo esistessero gruppi del genere che su richiesta entrano in un sistema! Anche se ormai tramite la rete si può trovare veramente di tutto :-O. Concordo con te, stiamo alla larga da servizi del genere!!

    ciao

1 Trackback / Pingback

  1. Technotizie.it

I commenti sono bloccati.