I più Grandi Hackers di Tutti i Tempi: John Draper

Eccoci ad un altro appuntamento con la nostra rubrica. Oggi parleremo di “Capitain Crunch”.

John Draper nasce nel 1944. Suo padre era un ingegnere militare dell’U.S Air Force per cui John già a vent’anni si trova a fare lo stesso mestiere in una base militare in Alaska. In quel luogo, forse, si concretizza la sua passione per l’hacking. Racconterà infatti molto più tardi, in un’intervista al Wall Street Jurnal che, nel 1964, aiutò un collega a fare telefonate gratis a casa accedendo ad un centralino telefonico locale.

Nel 1968 Draper fu congedato con onore dall’esercito e incominciò a lavorare come ingegnere a San Francisco. In quegli anni incomincia la sua carriera di hacker a tutti gli effetti, costituisce infatti, una radio pirata che trasmette da un furgone della Volkswagen. Fu proprio grazie a questa sua radio che fece la conoscenza con un certo Dannie, un non vedente che gestiva una piccola chat telefonica. Gli fu commissionata la costruzione di un generatore di toni multifrequenza, che serviva per fare telefonate gratuite.
Qui dobbiamo fermarci e dare delle spiegazioni. In quegli anni la trasmissione delle segnalazioni avveniva “in banda”, nel senso che si usavano le stesse frequenze usate per la comunicazione vocale. Questo comportava un problema per le compagnie telefoniche: se venivano inseriti, utilizzando un apparecchio vicino alla cornetta o collegato a qualsiasi telefono, dei segnali riconoscibili dal computer centrale, questo li interpretava come segnali provenienti da qualche centralina telefonica e faceva esattamente ciò che il phreaker diceva.
John costruì la prima Blue Box che serviva ad inviare segnali a 2600Mhz al computer centrale della compagnia telefonica, questo segnale veniva interpretato come se l’utente avesse agganciato la cornetta e la linea fosse libera. Ovviamente nessuno aveva agganciato ma la conversazione scompariva, di fatto, dalla bolletta, in quanto per il sistema, non era mai avvenuta.
Apriamo una piccola parentesi solo per dire che questo metodo oggi non è più applicabile in quanto, in quasi tutti i paesi del mondo, vengono utilizzati dei sistemi digitali che comunicano “fuori banda” quindi, in teoria, è impossibile per l’utente finale comunicare con il sistema.

Un giorno, per puro caso, scoprì che un fischietto, regalato con i cereali Capitain Crunch, che emetteva il suono alla frequenza giusta, proprio i 2600Mhz che servivano per il phreaking. Ovviamente da quel giorno John Draper è stato soprannominato Capitain Crunch.

Nel 1971 le cose cominciano a mettersi male per Draper. In articolo, pubblicato nella rivista Esquire, smaschera i suoi giochetti con il telefono per questo, in quell’anno, Capitain Crunch viene accusato e condannato per frode. La pena? Due anni di carcere.
Vi posto un pezzo della dichiarazione pubblicata dalla rivista nell’ottobre 1971 perchè è veramente particolare e perchè, forse, fu la confessione che portò al suo arresto:

“I don’t do that. I don’t do that anymore at all. And if I do it, I do it for one reason and one reason only. I’m learning about a system. The phone company is a System. A computer is a System, do you understand? If I do what I do, it is only to explore a system. Computers, systems, that’s my bag. The phone company is nothing but a computer.”—From Secrets of the Little Blue Box by Ron Rosenbaum, Esquire Magazine (October 1971)

Traduzione:
“Non l’ho fatto. Non ho fatto niente. E, se l’ho fatto, l’ho fatto per una ragione e una ragione soltanto. Sto imparando il sistema. Il sistema delle compagnie telefoniche. Un computer è un sistema, capisci? Se ho fatto cosa ho fatto, è solo per esplorare un sistema. Computer, sistemi, questi sono il mio bagaglio. La compagnia telefonica non è nient’altro che un computer.”

In quegli anni Draper fece anche la conoscenza con due personaggi che diventeranno in seguito molto famosi: Steve Wozniak e Steve Jobs che fonderanno la Apple Computer.
Fu sempre in quel periodo, che Draper fece di sè stesso una leggenda. Una storia su di lui racconta che, intercettando una conversazione della casa bianca, sia entrato in possesso della parola chiave per parlare con il presidente in persona. Da quel che si dice telefonò alla casa bianca e parlò direttamente con il presidente Nixon per dirgli che era finita la carta igenica.

Nel 1974 l’FBI accusò nuovamente Crunch di frode e, a quanto pare, le accuse erano più che fondate, tantochè passò in carcere altri 3 anni. Dopo aver scontato la pena per un periodo Capitain Crunch lavorò per la Apple, ma visto che, come dichiarò Wozniak, non stava simpatico a nessuno tranne che a lui e probabilmente per dei problemi legati alla legge, i suoi rapporti con la società non durarono per molto.

Ultimamente il capitano ha usato tutte le sue conoscenze per creare una sistema di difesa chiamato CrunchBox.

Fonti:
http://it.wikipedia.org/wiki/John_Draper
http://en.wikipedia.org/wiki/John_Draper
http://it.wikipedia.org/wiki/Blue_box
http://www.wikiartpedia.org/index.php?title=Draper_John_T._%22Captain_Crunch%22
http://www.syberia.it/Articoli/Cybercrimine/Phreaking/John%20Draper

6 Commenti

  1. Ottimo articolo, davvero interessanti le storie dei più grandi!

    Da correggere invece: telefonicehe e Wazniak 😉

  2. I più Grandi Hackers di Tutti i Tempi: John Draper…

    Eccoci ad un altro appuntamento con la nostra rubrica. Oggi parleremo di “Capitain Crunch”. John Draper nasce nel 1944. Suo padre era un ingegnere militare dell’U.S Air Force per cui John già ……

2 Trackbacks / Pingbacks

  1. Tweets that mention I più Grandi Hackers di Tutti i Tempi: John Draper | PillolHacking.Net -- Topsy.com
  2. Technotizie.it

I commenti sono bloccati.