Rotta Verso IPv6

Ormai c’è un’apocalisse al giorno: catastrofi,terremoti,crisi,guerre. Forse è per questo motivo che è passato sottotono l’IPv4 Apocalypse. Di che cosa si tratta? In poche parole: gli indirizzi IPv4, ovvero gli indirizzi di Internet, stanno per esaurirsi; anzi, per la precisione sono già esauriti, dal Febbraio 2011.

E’ un problema? Si e no. Può diventare un problema se al più presto non verranno prese delle contromisure, ovvero il passaggio al nuovo protocollo IPv6, dotato di uno spazio di indirizzamento molto più vasto dell’attuale, tale da mettere al riparo la rete da ulteriori esaurimenti di indirizzi per un bel po’ di tempo.

Per sensibilizzare imprese, enti ed utenti a prendere atto del problema, l’Internet Society ha creato un grande evento mondiale, che si svolgerà l’8 Giugno: Il Giorno Mondiale dell’IPv6. Durante questo evento, che può essere considerato come una prova generale per il passaggio a IPv6, Google, Facebook, Akamai e molte altre grandi entità mondiali offriranno i propri contenuti sul nuovo protocollo.

Come passare al nuovo protocollo? In realtà tutti i sistemi operativi più diffusi supportano questo nuovo standard (a dire il vero da parecchio tempo). L’unico elemento che manca è il raccordo tra la rete IPv4 e la nuova rete IPv6. Questo elemento è un tunnel che incapsula i pacchetti IPv4, e li invia ad un gateway (il tunnel-broker) che si occupa di instradare il traffico verso la nuova rete.

Tutto questro sembra assai complesso, ma esistono servizi che offrono l’accesso IPv6 senza particolari difficoltà.  Chi volesse provare il brivido di navigare sul nuovo protocollo può usare Freenet6. Si tratta di un client che fornisce l’interfaccia necessaria per poter inviare (in modo del tutto trasparente) il traffico di rete del proprio computer verso la rete IPv6. Una volta scaricato e installato dovreste essere in grado di raggiungere i servizi disponibili sul nuovo protocollo, come ipv6.google.com.

1 Commento

  1. Si, ne avevo già sentito parlare, ma sarà come il bum del 2000… Tante preoccupazioni per quasi niente =)

I commenti sono bloccati.