Poker Room e Sicurezza

Prima o poi chiunque si trovi ad utilizzare sistemi informatici si è posto la fatidica domanda: sono davvero al sicuro? Domanda che pare ancor più giustificata quando si parla di poker room online alle quali i giocatori affidano spesso anche cifre importanti. Come ha recentemente dichiarato il presidente della Sony, nessun sistema informatico è mai totalmente sicuro, ma possiamo andarci molto vicini.

Innanzitutto occorre fare un po’ di chiarezza sui sistemi adottati dalle poker room stesse, spesso percepite come “il nemico”. Quest’ultime infatti sono severamente monitorate da apposite autorità che tutelano e garantiscono la regolarità dei vari giochi di poker online e l’imparzialità del casinò stesso, soprattutto per quanto riguarda gli algoritmi di generazione delle carte. Non solo nessuna poker room seria è in grado di farvi avere carte vincenti o perdenti a comando ma nessuno sarà neanche in grado di indovinare l’ordine di uscita delle carte.

Certo però rimangono altre falle nel sistema, ma niente paura, le soluzioni vengono trovate sempre abbastanza velocemente. Ad esempio in passato alcuni trojan che l’utente involontariamente scaricava tramite siti di filesharing, potevano comunicare le nostre carte al loro creatore, ma questa piccola minaccia è stata presto sventata.

Dopodiché sono apparsi sulla scena i “bot”, dei giocatori automatici in grado di gestire vari tavoli simultaneamente, ma la loro prevedibilità sia nelle mosse che nella tempistica fa sì che vengano spesso scoperti ed eliminati, anche se il loro scarso uso è dovuto più che altro al fatto che è ancora difficile per un bot battere un buon giocatore di poker.

E siamo quindi arrivati alla vera minaccia per i giocatori, quella che esiste da quando esiste il gioco in sè, ossia i giocatori disonesti. E’ successo che utenti riuscissero ad aprire due account e, spacciandosi per due giocatori diversi, riuscivano a manovrare la partita a loro favore. Oppure si sentono spesso casi di collaborazione fra due giocatori reali che si comunicano le carte via programmi di messaging .

Anche in questa circostanza si fa presto a fare i conti senza l’oste: la presenza contemporanea sempre agli stessi tavoli allo stesso momento, aggiunta alla sospettosità delle mosse, conduce le autorità sulle loro tracce, con gravi conseguenze per i “furbetti”.
Che fare quindi per giocare in sicurezza? Il nostro consiglio è quello di affidarvi alle poker room più autorevoli e dunque più controllate. Date un occhio alla lista completa delle migliori poker room italiane recensite da pokerlistings.it

(in collaborazione con pokerlistings.it)

1 Commento

  1. qualche anno fa, facevo la stessa cosa su biska.com con un mio amico via msn, xò avevano tanto c…o l’avversario che con quella carte noi perdevamo sembra 🙂

    ps. nn c’era niente in palio
    pss. lo so era na bimbominkiata che adesso nn faccio più xkè preferisco giocare di persona con i miei amici

I commenti sono bloccati.